FELICITA’ QUOTIDIANA

Benvenuti a questo appuntamento per scoprire come essere felici oggi più di quanto potremmo esserlo domani!
Eh sì perchè spesso la felicità è sempre relegata ad un momento del futuro ed a condizioni che ci portano a dire: “sarò felice quando …..”

Alcuni legano la felicità al successo, alla fama, ai soldi, al potere, ma questi sono falsi idoli e il raggiungimento di un falso idolo può solo provocare una gioia effimera, come gioie effimere sono quelle dei prodotti che il consumismo ci propone; certo è bello acquistare quel bellissimo bracciale, o l’ultimo modello dell’iphone ma poi…., ormai è nostro e l’emozione svanisce.
Se non è in qualcosa di esterno, legato ad oggetti o a qualcosa che c’è nel futuro…dov’è la felicità? Come si fa a raggiungerla?
La felicità può essere considerata come il provare ciò che esiste di bello nella vita.
Non è un’emozione oggettiva, non è determinata da qualcosa di esterno a noi, ma è una capacità individuale da scoprire e coltivare.

La buona notizia è che tutti possiamo essere felici perché il nostro cervello è predisposto a “ felicitare” cioè a produrre tutte quelle sostanze che ci permettono di sentirci felici.

L’ossitocina che è chiamato anche l’ormone dell’amore viene prodotto dal cervello in tutte le situazioni della nostra vita che ci danno vero piacere quali un abbraccio, il guardare negli occhi la persona amata, toccarla e annusare il suo profumo e naturalmente provare piacere fisico! E’ l’ormone del legame e della relazione affettiva.
La serotonina detta ormone del buonumore è un altra sostanza che il nostro cervello produce, quando facciamo qualcosa di divertente, quando dormiamo bene e siamo di buon umore, quando sorridiamo, quando facciamo un po’ di attività fisica, quando ascoltiamo della buona musica, quando apprendiamo.
Le endorfine non sono solo un potente analgesico naturale, ma vengono rilasciate in tante occasioni in cui il piacere fisico dato dal movimento fisico ma anche dal gustare un cibo che piace, trova spazio.
La dopamina è un altra sostanza della felicità ed è collegata alla
motivazione, le sensazioni piacevoli, il sonno, l’umore, l’attenzione, il movimento volontario, la memoria.
La dopamina fissa nella memoria le esperienze piacevoli, portando il nostro cervello a ricordare ciò che ci procura piacere e a ricercarlo.
Ecco quindi che abbiamo dentro di noi tutti gli “ ingredienti” per essere felici ma perché quindi è tanto difficile?
Perché con il passare degli anni, semplicemente smettiamo o limitiamo tutte le attività che creano felicità:

Smettiamo di guardare e osservare la natura che ci circonda, smettiamo di stare con gli altri in buona compagnia, smettiamo di essere affettuosi, smettiamo di giocare, di ridere, ballare, dormire le ore che ci necessitano, smettiamo di desiderare, smettiamo di notare i piccoli doni che il quotidiano ci fornisce, smettiamo di respirare, profondamente e in modo rilassato, smettiamo di sentire il piacere di muovere il corpo, il corpo finisce per essere un mezzo di trasporto o un segnalatore di disagio ma non di piacere.

Ecco qua per voi un piccolo “programma” per riscoprire e coltivare la felicità nel quotidiano:

1) Respirate! Respirate profondamente e in modo rilassato, “assaporando” aria che entra quando inspiriamo e l’aria che esce quando espirate. Questo esercizio non ha controindicazioni e può essere svolte tutte le volte che volete, anzi più lo fate è più ne trarrete beneficio.

2) Osservate e notate tutto quello che vi crea una piccola sensazione di piacere: il sapore del caffè al mattino, il tepore della casa, l’aria fresca del mattino, una persona che vi saluta sorridendo, il sole, le nuvole, gli alberi, la chiacchiera e la battuta con il collega, ascoltare una bella canzone alla radio. Ogni momento succede qualcosa per cui possiamo assaporare un po’ di felicità.

3) Sentite il corpo, mentre salite le scale, mentre stringete la mano a qualcuno, mentre assaggiate qualcosa di buono, mente camminate per andare al lavoro o da qualche altra parte, mentre ricevete e date un abbraccio.

4) Amore: coltivate l’amore, la gratitudine, la fiducia, la speranza, le buone relazioni.
Siamo tutti collegati gli uni agli altri, siamo collegati alla natura che ci circonda e da essa traiamo energia vitale e l’energia vitale è essenza di felicità!

Autore
Cristina Castagnoli psicoterapeuta Centro Liberamente
www.cristinacastagnoli.it
tel.3389926927

2019-11-30T17:34:38+00:00